martedì 27 maggio 2014

Nina

Io ho un amico figo.
Figo perché? Per i favolosi occhi blu? 
Sì certo. Ma non solo.
Perché è un SUBBAQQUO della madonna con migliaia di immersioni in tutti gli oceanimari della Terra e forse pure di Marte?
Sì, sì. Ma non solo.
Perché una volta finiti i mari ha pensato di farsi un giro nel deserto in bicicletta?











Sine. Ma c'è di più. Molto, molto di più. Lui (il figo) è Claudio Di Manao ed è appena uscito il suo ultimo libro, Subacqueologia, testo indispensabile per rispondere a domande esistenziali che da sempre riguardano tutti, mica solo chi si diverte a esplorare fondali. 





















(Per gli amici fumettari: sì, CI STANNO PURE I DISEGNETTI.)



















Ma la cosa VERAMENTE FIGA è che tutti i proventi dell'ebook andranno direttamente sul conto di questa microbina qui:

















Si chiama Nina, ed è una bimba unica. Ha una sindrome genetica sconosciuta, non si conosce un caso uguale, dunque come lei c'è solo lei. Seguite le sue avventure qui e vi accorgerete che Nina è unica non solo per la sua malattia. 
Seguitela, e non dimenticate di acquistare su Amazon il libro che permetterà a lei di proseguire le terapie e a voi di imparare a distinguere un SUBBAQQUO brasiliano da un SUBBAQQUO argentino anche solo da come muovono le pinne. 

Figo, eh? 
E io che avevo detto?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Oddio... figo..... è un'incommensurabile faccia da chiulo che si è fumato tutto il cocco degli zerbini di Sharm. Solo che non erano di vero cocco ma sintetico ed i risultati li vediamo. Politicamente eravamo agli antipodi ed avremmo anche potuto ucciderci a vicenda, ma non è successo (con lui come con altri, nemici per opportunismi di altri). nei suoi libri ha scritto una marea di minchiate talmente vere cheoltre a far ridere fanno anche incazzare magari. Ed io mi ero incazzato, uuuuh se mi ero incazzato..... lancia in resta, il Lancillotto de noantri, il don Chisciotte ad mentula canis. Scontro epico, senza vinti ne vincitori. Allora. Oggi mi sarei arreso senza combattere, perchè aveva ragione lui. E gli voglio un bene dell'anima, a 'sta faccia da chiulo. Ed appena potrò ci vado anche io in bici con lui, ecco.
Zio Maiale

Valentina Morelli ha detto...

Venganchio (Col cazzo! In bici nel deserto ci andate voi. Io aspetto ancora l'onore di fare un giretto nel blu con te, con lui, con tutti e due. No, tutti e due no: troppa emozione, poi muoio e i giornalisti spaccano i maroni con l'ennesimo sub morto; e vaglielo a spiegare che è stata colpa degli ormoni in subbuglio!)

T'adoro, Zio Maiale!