lunedì 17 settembre 2012

Stella was a diver...



“Ehi, ma’, allora vengo a Milano sabato!”
Ma lei mi conosce bene e sente che, sotto il centimetro di entusiasmo di cartone, il mio cuore è appiccicoso.
“Facciamo che ci vediamo un’altra volta e tu vai a trovare i tuoi amici pesci?”
“Ma no, dai, ma’…”
Non vado in acqua da un mese e il meteo promette meraviglie: mi lascio convincere in un istante e sorrido. Ma il sorriso, lo sento, non arriva agli occhi.
Quando, alle sei, la sveglia suona, l’Omonero è già in giro a organizzare cose. Io, invece, non riesco ad alzarmi, gli occhi sono sigillati e lasciare il tepore del letto mi costa uno sforzo enorme.
Le uniche parole che pronuncio sono quelle della check list: pinne, calzari, muta,…
La giornata è perfetta: tiepida, limpida; il mare è perfetto: calmo, blu.
Al diving saluto gli altri. È un po’ che non li vedo, dovrei essere contenta. Ma le mie braccia sono rigide negli abbracci e, al rituale del come va, esito prima di rispondere bene, e tu?
Montiamo l’attrezzatura. Ho 180 bar nella bombola. “Basteranno,” penso.
Il gommone salta sulle onde e si ferma alla secca Gonzatti.
“Sei contenta? Ci volevi andare!” dice l’Omonero.
Annuisco.
Ci prepariamo, e la fonte d’aria alternativa dell’Omonero va in continua. Cioè sputa aria per i cazzi suoi. Chiudi la bombola, apri la bombola. Niente da fare. Sto per aprirmi il gav e rinunciare, quando finalmente l’erogatore smette di rompere.
Scendiamo nel blu e ci ritroviamo in mezzo a barracuda e castagnole; li guardo come in tv.


Le gorgonie rosse, tantissime, dovrebbero strapparmi il cuore.


La visibilità è buona, seguiamo una grossa cernia vanesia che si presta volentieri a farsi fotografare da Paparazzo Abissale e da Eroe; poi si stufa, inverte la marcia e ci ritroviamo, io e lei, muso a muso; la vedo chiaramente alzare gli occhi al cielo. Sospiro e le cedo il passo: è casa sua.
Proseguiamo. Io mi allontano un po’ dalla parete, ipnotizzata dal blu.
La corrente e un pensiero cattivo mi trascinano via.
Il respiro si fa affannoso, allungo una mano verso l’Omonero che mi afferra, mi riavvicina alla parete, mi stringe, mi calma. Restiamo così, per mano, per il resto dell’immersione. Osservo lo spettacolo di due cernie che lottano, bocche aperte e pinne dorsali rizzate. Nessuna emozione mi attraversa. 
Il respiro è ancora corto, guardo il manometro anche se l’avevo fatto due minuti prima: 50 bar? Cazzo. Segnalo subito a Paparazzo Abissale che, forse non fidandosi del secondo stadio dell’Omonero, mi attacca a Eroe. 
Non mi era mai successo. 
Sono mortificata, non faccio che pensare, in modo malsano e in loop, perché diavolo non ho chiesto che mi rabboccassero la bombola.
Imbecille.
Idiota.
Guastafeste.
Sono lì, in sosta, come una bestiola al guinzaglio; occhi fissi sul computer: meno tre minuti, meno due. Sento uno strattone, alzo la testa e vedo Eroe che si allunga verso una sirena, trascinandomi.


Eroe mi fa segno di riprendere il mio erogatore, ci dividiamo, lui insegue la sirena che, armoniosa, nuota verso il fondale e verso una torpedine che vola e…

Niente, non sento NIENTE. 

Ed è lì che capisco.

Sei tornata, maledetta. 

Senza preavviso. 
Senza neanche il pretesto di un giorno di pioggia, di un tappeto di foglie. 
Così, come un pugno in faccia.
Ma non t’illudere: questa volta, non mi avrai.





2 commenti:

Anonimo ha detto...

Se serve a rassicurarti, 20 bar in più nella bombola non avrebbero fatto la differenza.
Nemmeno 50 bar in più: li avresti usati
L'organo che consuma di più è il cervello, e non c'è affanno che tenga
Quando sei fuori dall'acqua divora pensieri, e ne sai qualcosa.
Quando sei nel blu brucia i minuti.
C'è sempre una prima volta e qualcuno ti ha dato volentieri l'aria, anche se pure a lui qualcosa gliela bruciava anzi tempo.
Il mare amplifica, hai ragione, e non c'è corso, buddy o Eroi che tengano: se vuoi introspezione o disagio o emozioni, lì puoi averli.
Una giornata storta può capitare, ma sai che c'è un angolo nei pensieri che ti vede già respirare con la faccia nell'acqua, il sale addosso e le pinne ai piedi.
Relax...

abissonauta ha detto...

loviù...