domenica 11 novembre 2012

Senbee Resta con me



Giornata massacrante. Sogno divano, coperta, gatti e playstation.
Arranco per i sei piani di scale e, mentre apro la porta di casa, sento delle voci. “L’Omonero avrà di nuovo lasciato il televisore acceso,” penso. Ma quasi muoio d’infarto quando mi trovo in soggiorno un capoccione: la stessa corporatura della mia lavatrice, camice bianco e pantofole, le mani appoggiate sul mio nuovo televisore al plasma; sudato, disperato, grida: “Togli quella cacca dal letto! Mi senti? Ti ho detto mille volte che non devi portare la cacca a casa!”
“Senbee?” dico, mentre la borsa mi cade per terra. Lui non sembra avermi sentito.
“Ehm… Dottor Norimaki?”
Macché, non mi fila.
“Arale, dannazione! Piantala, piantala, piantala!”
Idea: tolgo il cappotto, mi avvicino, sollevo la gonna, lo chiamo: “Dottor Slump?”
Il sesto senso del porcello lo fa voltare: faccia a faccia con le mie mutandine, gli occhi schizzano dalle orbite e uno spruzzo di sangue dalla narice sinistra allaga il pavimento. Appena abbasso l’orlo della gonna, però, lui ricomincia a prendere a pugni il televisore. Afferro il telecomando, spengo e Senbee si immobilizza davanti al nulla. Tocca lo schermo, ci gira intorno.
“Hai una cassetta degli attrezzi?” dice.
“Per farci cosa?”
“Devo invertire il flusso. Voglio tornare a casa prima che quella peste combini troppi guai!”
“Quanta fretta, Senbee! Non vuoi neanche sapere dove sei finito?”
“Come sai il mio nome? Ci conosciamo?”
“Tutti qui ti conoscono. Sei molto famoso!”
Lui d’improvviso diventa alto e bello e il sorriso gli scintilla. Trattengo la risata a fatica: mi fa ammazzare quando fa il figo!
“Accomodati,” gli dico.
“Ehi, senti, mi dispiace per…” dice, indicando la pozza di sangue.
“Non preoccuparti, l’avevo messo in conto. Ora pulisco. Non toccare niente, per favore, finché non torno.”
“Va bene.”
In bagno col pretesto dello straccio, telefono all’Omonero.
“Hai lasciato di nuovo il televisore acceso!”
“Scusa, B, hai ragione, è che…”
“Non hai capito, non ti stavo rimproverando! È successa una cosa assurda: il Dottor Slump è nel nostro soggiorno!”
L’Omonero tace qualche secondo. Poi: “B, hai bevuto?”
“No, macché! È di là, te lo giuro, dev’essere passato dalla tele in qualche modo!”
“Veramente? Fagli costruire la Pistola Transformer!”
“Così trasformo la vicina in uno scarafaggio! Però voglio anche la Pentola Concretizzante, che ci butto una ricetta e in quattro e quattr’otto la cena è pronta!”
“E io voglio gli occhiali a raggi x!”
“Quelli te li scordi.”
“Uffa.”
“Comunque, non sarà facile convincerlo a restare: stava già cercando il modo di smontare il televisore per tornare a Villaggio Pinguino.”
“Il televisore nuovo? Fermalo, fermalo, per carità!”
“Ci provo. Ora torno di là, che devo anche pulire un mare di sangue.”
“B! Gli hai fatto vedere le mutande!”
“Non avevo altra scelta: non mi dava retta!”
“Bella scusa! Poi dici a me.”
“Eddai. Torna presto.”
“Appena finito di lavorare.”
Armata di straccio e secchio, torno in soggiorno. Senbee è sparito.
“Ma dove caz…”
Un rumore viene dalla cucina.
“Che stai facendo?” dico.
“Il tuo tostapane è rotto. Te lo sto riparando.”
“Ma non mi sembrava…” Il campanello mi interrompe. Oddio, e chi è ora? Butto lo straccio a coprire la macchia di sangue e apro la porta: è la vicina napoletana spaccapalle.
“Buonasera, signuri’. Scusate, ma ho sentito dei rumori e mi sono un poco preoccupata.”
“Scusi, signora, è venuto a trovarmi un vecchio amico. Mi spiace averla disturbata.”
Non mi accorgo del testone di Senbee che sbuca dalla cucina. La vicina sgrana gli occhi.
“Signorina, ma voi tenete nu’ cartone animato in casa? Ma l’amministratore lo sa?”
“Non ancora, signora, lo avviso prima possibile.”
Lei allunga il collo.
“Ma non sarà pericoloso?”
“Pericoloso? E perché mai!”
Un tostapane  con le scarpe da tennis inizia a correre per il soggiorno sputando fette abbrustolite a puntino, inciampa nello straccio e scopre la pozza di sangue. La vicina fugge urlando: “Domani lo chiamo io l’amministratore! Voi siete una strega! Un’assassina!”
“Senbee, ma che hai combinato?”
“A che serve un tostapane che non ti porta la colazione a letto?”
“A tostare il pane?”
Mi guarda sconcertato.
“Vieni, siediti un po’ qui: ti faccio vedere una cosa.”
Impallidisce.
“Non QUELLA!”
Si siede sul divano, buono buono, le mani in grembo, e fissa malinconico lo schermo nero del televisore. Dalla libreria prendo tutti i numeri de “Il Dottor Slump e Arale” e li appoggio in ordine sparso sul tavolino.
“Che ti dicevo? Sei famoso qui!”
Senbee inizia a sfogliare il numero tre, l’episodio Mutandine e Fragoline. “Tutta colpa di quello stupido maiale. Quella volta ce l’avevo quasi fatta!”
“Il piano era perfetto, Senbee, non è stata colpa tua. Non sei stufo di fallire, lì a Villaggio Pinguino? Non ti piacerebbe cambiare vita?”
“Io… Beh, ecco…”
“Qui è pieno di belle ragazze. Sei famoso, sei affascinante.”
“E bello.”
“Soprattutto bello. Potresti fermarti un po’ da noi e vedere come va. Puoi tornare a casa quando vuoi, se non ti piace.”
“E cosa farà Arale senza di me? E Gacchan? E la Professoressa Yamabuki?”
Mentre lui si perde nei pensieri, gioco la carta vincente: accendo il televisore su un canale hard.

“Beh? Dov’è?”
“Shht, zitto! È appena andato a dormire!”
“L’hai convinto a restare?”
“A fare una prova.”
“E come hai fatto?”
“Donnine.”

“B, hai comprato la Cocacola?”
“Sì, è in dispensa. Agitala bene prima di versarla nel serbatoio. Ma dove vai con l’aereo?”
“A prendere Senbee. Con questo traffico se vado in macchina non arrivo più.”
“Cosa volete per cena?”
“Ho comprato un ricettario nuovo: lancia nella pentola la pagina trentasette.”

“Cosa c’è Senbee? Non ti piacciono le lasagne?” dico.
“Sono buonissime. È che oggi al laboratorio mi sono stancato. Vado a riposare, se non vi dispiace.”
“Certo, vai. Buonanotte.”
Slump si chiude in camera sua e l’Omonero scuote la testa.
“B, Senbee non è contento.”
“Magari è davvero stanco.”
“Lo sai cosa fa quando si chiude in camera?”
“No e, conoscendolo, non so se voglio saperlo.”
“Legge i suoi fumetti. L’ho sentito ridere. E piangere, a volte.”
“Oh no. Cosa possiamo fare?”
“Lo sai.”
Certo che lo so.

Ci alziamo da tavola, bussiamo alla porta della sua stanza. Apre spettinato, con gli occhi rossi. “Ehi, ragazzi. Cosa c’è?”
“Cosa ti serve per invertire il flusso?” dico.
“Ma cosa…?”
“Hai capito, Senbee,” dice l’Omonero. “Vogliamo darti una mano.”
Si siede sul letto. “Mi dispiace,” dice. “È stato bello restare con voi. Ma mi manca la mia casa, mi manca Arale. Mi manca la signorina Midori.”
“Anche per noi è stato bello. Ma ora spara: cosa ti serve?”
“Mi aiutate davvero?” dice a tutti denti.

“Allora: tegamino?” dice Senbee.
“C’è!”
“Due sveglie rotte?”
“Anche!”
“Playstation?”
Una fitta al cuore mentre dico: “Sì”
“Quattro CD di musica punk?”
“Eccoli,” dice l’Omonero con un sorrisetto tirato.
“Gli vogliamo bene, eh?” dico.
“Già.”

Quattro ore dopo.
La luna piena splende. Gli occhi di Senbee di più.
“Grazie, ragazzi,” dice soffiandosi il naso in un fazzoletto a pois.
“Grazie a te.”
Lo abbraccio forte, un nodo mi chiude la gola. Anche l’Omonero è commosso. Si stringono la mano, mantengono un contegno, da veri duri.
“Pronti? Via!” dice Senbee premendo un tasto del telecomando.
Sullo schermo compare un vortice tremulo. Il Dottor Slump saluta con la mano, oltrepassa il bordo, ci regala un ultimo sorriso e, roteando, sparisce.
Io e l’Omonero ci scambiamo uno sguardo. Come sempre, le parole non servono. Lui mi allunga una mano, io la stringo. E insieme saltiamo nel vortice.

Ciriciao gente!


2 commenti:

Omonero ha detto...

HAHAHA! Avventura meravigliosa! Avere in casa Senbee e poterlo seguire al Villaggio Pinguino sarebbe BELLISSIMO!

abissonauta ha detto...

Sarebbe bellissimissimo! <3