domenica 24 febbraio 2013

La iuzzazza


Avevo detto che no. Ancora ieri difendevo la mia posizione. Che basta tapparsi il naso e aprire la bocca e ingoiare merda. Che ‘sta sinistra annacquata è colpa nostra, mia, e io non voglio più.
Ma stamattina mi sveglio che sono  un orso in gabbia coi peperoncini inziccati  in ogni pertugio e capisco che non ce la faccio a restare a guardare.
Che è casa mia quella che va a fuoco.
E la vocetta che fino a ieri diceva: e quindi che fai, ci butti un cerino pure tu? stamattina non parla.
Mi alzo, mi infilo nella doccia, ci resto mezz’ora. Non accendo neanche la radio. Tutto così, zitto.
Solo l’acqua che scroscia.
Mi depilo. Tutta. Braccia, gambe, ascelle, mussa. Nessun’ombra.
Mi insapono anche la bocca e mi strofino forte col guanto di crine e la pelle è in fiamme.
Mi lavo i denti con speciale cura, due volte spalmo il dentifricio sullo spazzolino, e risciacquo a lungo la bocca col colluttorio salato.
Sono pulita, io.
Mi pettino la frangetta, metto perfino un po’ di mascara e allo specchio mi vedo bella.
Mi vesto come quando, a vent’anni, ci credevo: jeans stretti, anfibi e sciarpetta coi teschi.
Piove - è proprio il caso di dirlo - che Dio la manda.
“Andiamo a piedi?” dice l’Omonero, che vota per la prima volta.
“Sì, facciamo due passi. Magari da qui a lì cambio idea.”
Scendiamo in strada e man mano che ci avviciniamo la sento che si avvicina.
Indugiamo, beviamo un caffè in un bar di cinesi che fino a ieri non c’era.
“Andiamo, dai.”

È ora di pranzo e i seggi sono deserti. L’Omonero si stupisce della divisione maschi e femmine. Già, perché? Non ci avevo mai pensato.
Cabina tre lui, cabina uno io.
Trattengo il fiato mentre piazzo le croci sulla scheda gialla e su quella rosa. C’ho il magone.
E come faccio scivolare le schede ripiegate nella fessura degli scatoloni, la iuzzazza mi ricopre.
A nulla sono servite le abluzioni preventive.

Usciamo di lì, ora piove misto neve.
“Come si sta?” chiedo all’Omonero.
“Come dopo aver fatto una cosa brutta.”
Il fiocco di raso nero che ingentilisce gli anfibi s’è slacciato, ma non fa niente. Lascio che s’inzuppi di iuzzazza. Tanto ormai.
Passiamo davanti alla vetrina della pasticceria: c’è una montagna di meringhe e, di fianco, un montarozzo di cremini. Quant’è che non ne mangio?
“Ci addolciamo la giornata?” fa l’Omonero.
“Sì.”

A casa, davanti  a una tazza di tè iraniano profumato, addento la meringa e, mentre cerco con la lingua il centro morbido e appiccicoso, ho di nuovo sei anni e penso che a domani ci penso domani.



5 commenti:

Anonimo ha detto...

No, non servono le abluzioni preventive... perche' quel che ti ricopre non e' la iuzzazza ma il timore di aver sbagliato e delle potenziali conseguenze del tuo errore.

Ma e' giusto cosi' perche' quello e' un timore che prova solo chi ancora crede nell'importanza del voto e lo fa con coscienza e passione.

Un abbraccione a te ed all'Omonero.

Saverio

Abissonauta ha detto...

un abbraccio forte a te, Save!

Anonimo ha detto...

Non che non ci abbia pensato anche io. Ma non avete/abbiamo fatto una cosa brutta. Raramente c'è qualcosa di perfetto. ma solo tentando e tentando e iuzzazzandosi un po' alla fine si riesce ad arrivare vicini alla perfezione.
Ed ora godiamoci i commenti domani alle 15,01 !!!!
Gianluca

Zio Maiale ha detto...

Ogni maledetta volta che ho votato ci ho pensato ed ormai voto da parecchio e ad oggi col senno di poi, visto com'è andata, sono contento che nella cabina, davanti alle tre schede, la mano sia andata automaticamente verso ciò che fortemente critico ma in cui fondamentalmente credo. Ma come dice Saverio (a proposito non sarà mica 'quel' Saverio? Il mio fratellino paciarotto adorato???) "e' un timore che prova solo chi ancora crede nell'importanza del voto e lo fa con coscienza e passione". Se poi un reduce, come son stato sprezzantemente definito, come me pensa ai nonni ed agli zii partigiani della prima ora, qualcuno dei quali ha pagato con la vita o con torture ed internamento per farci arrivare ad una costituzione repubblicana e ad una democrazia beh, fanculoi timori. Ora & Sempre
Zio Maiale

Abissonauta ha detto...

Sì, Zio Maiale mio adorato: è proprio QUEL Saverio lì. :)